Frattura della tibia e del perone

La frattura della tibia e del perone consiste in una lesione potenzialmente grave, in quanto non viene danneggiato soltanto l’osso ma anche i tessuti circostanti. 

Quanti tipi di fratture esistono?
Si parla di fratture traumatiche quando un unico trauma causa l’interruzione di un segmento scheletrico sano. Di fratture patologiche (o fratture in ossa patologiche) quando un trauma di lieve entità, che normalmente non sarebbe sufficiente a causare l’interruzione di un osso, agisce su di un segmento scheletrico già fragile a causa di una patologia in atto o pregressa (fratture in sede di tumori, osteomieliti ecc.). Infine si parla di fratture da durata o da fatica (le “stress fractures”) quando ripetuti microtraumi agiscono nel tempo su di un osso sano (è il caso, ad esempio, delle fratture delle ossa metatarsali nei maratoneti).

Come avviene la lesione, qual è il meccanismo che la provoca?
Oltre al trauma da “impatto” o da contatto, generalmente anche una flessione “anomala” può provocare una variazione della normale curvatura dell’osso fino alla rottura, così come una improvvisa torsione.

Come ci si accorge di aver subito una frattura?
In seguito ad un trauma non sempre è facile riconoscere se si è in presenza di una frattura. Solo una radiografia potrà chiarire il dubbio. Occorre tener presente che una frattura provoca un dolore violento, l’arto si gonfia subito e in molti casi si deforma; inoltre subentra l’incapacità di movimento. Nei casi più gravi, quando esistono più fratture (politraumi) il paziente può anche arrivare a subire uno stato di shock.

Quali sono i consigli per un primo soccorso?
In un primo soccorso ci si deve limitare a cercare di tenere l’arto più fermo possibile attendendo il trasporto in ospedale. In ospedale, sarà quindi compito del medico esaminare approfonditamente l’area infortunata, richiedere una radiografia, se necessario procedere con un eventuale intervento chirurgico ed infine utilizzare un fissatore esterno.

Quali sono i tempi di recupero per un infortunio di questo tipo?
Non meno di 40 giorni, ma dipende dal tipo di lesione. Una lesione composta di perone può essere recuperata in tempi estremamente brevi , ma per tornare a praticare un’attività sportiva, in particolar modo uno sport da contatto, è necessario attendere la calcificazione dell’osso che non avviene prima di 30 giorni e una completa riabilitazione. Nei casi più gravi si può parlare di mesi, soprattutto se vengono apportate delle piccole protesi. Oggi vengono utilizzate ingessature e supporti che vanno ad immobilizzare l’arto per il periodo strettamente necessario alla formazione del callo osseo. È infatti importante permettere all’infortunato di mobilitare il prima possibile l’arto, attendendo però i tempi fisiologici riparativi. Una volta completato il processo riparativo, i medici rimuoveranno il supporto permettendo così di iniziare a mettere in movimento la gamba.

Che tipo di riabilitazione si deve fare in seguito ad infortuni di questo tipo?
È di fondamentale importanza avviare il recupero del tono muscolare che è stato perso durante il periodo di immobilizzazione. In un primissimo periodo si possono anche effettuare degli esercizi di tonificazione in isometria. Sono consigliati, anche, esercizi di equilibrio sull’arto infortunato, poi esercizi di tonificazione in compressione assiale, ed in seguito esercizi di flesso estensione del piede e della gamba sulla coscia, così da rinforzare sia la muscolatura flessoria che quella estensoria.

Quando viene meno il tono muscolare nel polpaccio della gamba, a causa dell’immobilità, quali sono gli esercizi più efficaci da praticare?
Sicuramente il nuoto e la bicicletta aiutano molto a recuperare la parte muscolare, ma sarà anche efficace programmare una serie di esercizi sollevando e abbassando la gamba “lesa” per poter recuperare totalmente anche la tonicità del quadricipite della gamba che, in questo caso, inevitabilmente perderà la sua piena funzionalità.

Categories: